Istruzione

Caro studente,
Cari genitori,
all’inizio di questo nuovo anno scolastico, desideriamo rivolgervi alcuni pensieri, per esservi sempre e
comunque vicini.
Anche noi, come voi, siamo stati studenti, un po’ di anni fa, ma, in modo diverso, lo siamo ancora!
Certamente, oggi, anche voi, state provando una profonda gioia, mentre incontrate, durante i primi giorni
di scuola, gli amici di sempre e, curiosi, state conoscendo nuovi compagni di viaggio.
Insieme a voi, condividiamo tante emozioni: l’ansia per le prime verifiche; il timore verso un impegno che
sembra più grande di voi; la preoccupazione nel conoscere nuovi docenti, con i quali volete instaurare
positive relazioni educative…
I sentimenti condivisi all’inizio di questo nuovo Anno Scolastico sono, in una certa misura, avvolti da una
preoccupazione, che speriamo di lasciarci alle spalle, per sempre: la pandemia, che vi ha costretti a vivere
lo studio in modo tanto diverso, come mai avreste ed avremmo immaginato, lontani e smarriti, immersi
nella “didattica digitale integrata”, la quale, per voi, non ha purtroppo avuto lo stesso valore, riconosciuto
per gli altri, nonostante il notevole impegno profuso dalle Istituzioni e dai docenti.
Ritornare fra i banchi di scuola, pur se con le opportune attenzioni, finalizzate a limitare, oppure ancor
meglio, ad allontanare la possibilità di diffusione del virus, rappresenta, per voi, un momento di grande e
profonda felicità, perché avete ed abbiamo bisogno del contatto fisico, per conoscere e comprendere il
mondo, nella sua multiforme ed incantevole bellezza.
Per questa ragione, abbiamo strenuamente lottato, affinché, gli adulti impegnati, a qualsiasi titolo,
nell’aiutare persone con disabilità visiva, non debbano rispettare le norme per il di stanziamento. Questa
disposizione di legge è, quindi, valida anche per i docenti che devono accompagnare gli alunni con disabilità
visiva e plurima nel percorso di apprendimento ad elevata specificità e nel processo di vera inclusione.
Inoltre, per tutelare la vostra salute e quella altrui, come ben sapete, ci siamo adoperati, con ogni mezzo,
affinché a tutte le persone con disabilità visiva, inclusi voi studenti, fosse somministrato, per tempo, il
vaccino anti-covid.
A te, studente e a tutti i genitori, l’UNIONE ITALIANA DEI CIECHI E DEGLI IPOVEDENTI DELLA
PUGLIA, consapevole delle difficoltà, quotidianamente affrontate, rivolge l’augurio più affettuoso e
sincero, perché sappiate trasformare i problemi in opportunità di crescita, che vi consentiranno, nel tempo,
di raggiungere ambiti traguardi, grazie anche al vostro coraggio, alla vostra tenacia e al vostro costante
impegno.
Sappiate che la scuola è un luogo di assoluta emancipazione umana, culturale e sociale per tutti, quindi
anche per voi, poiché vi permette di vivere le prime vere esperienze, al di fuori del contesto familiare, le
quali rappresentano il trampolino di lancio verso il sano processo di crescita, da realizzarsi mediante un
percorso di apprendimento, che, in ogni caso, è quanto mai indispensabile vivere a scuola e in presenza.
Comprendiamo, inoltre, come, in questo particolare momento storico, sia difficile, per voi genitori, affidare
a mani diverse, le vostre figlie e i vostri figli, talvolta vulnerabili.
Siamo certi, tuttavia, che la dedizione e la professionalità dei docenti, l’impegno dei Dirigenti Scolastici e
dei Referenti per l’inclusione, unitamente alla vigile guida e presenza degli Uffici Scolastici, a livello
territoriale e regionale, garantiranno l’opportunità di costruire una comunità scolastica accogliente, che si
prende cura degli studenti e che organizza un ambiente di apprendimento arricchente ed inclusivo per tutti..
Invitiamo le scuole e le famiglie a dialogare fra loro, perché la proficua collaborazione, nel rispetto dei
ruoli, è l’unica strada da percorrere, per costruire un Anno Scolastico altamente formativo, che vede
impegnati professionisti capaci di venirsi incontro e che considerano l’alunno al centro di ogni azione e di
ogni sforzo.
Noi Dirigenti e Referenti dell’UNIONE ITALIANA DEI CIECHI E DEGLI IPOVEDENTI PUGLIESE
garantiamo la nostra disponibilità a collaborare con tutti voi e con tutte le Istituzioni coinvolte nel processo
di inclusione, affinché siano tutelati i diritti delle persone che rappresentiamo. Siamo altresì disponibili a
profondere il massimo impegno, perché la nostra presenza sia ancor più diffusa su tutto il territorio
regionale, per offrire, a chiunque abbia bisogno, il nostro contributo di esperienze e di competenze.
A tutti voi, con profonda vicinanza, auguro un Anno Scolastico sereno, ricco di soddisfazioni e di successi!

Il Presidente Regionale
dell’Unione Italiana dei Ciechi
e degli Ipovedenti Puglia
Paolo Lacorte

La Responsabile Istruzione
Regionale dell’Unione Italiana
dei Ciechi e degli Ipovedenti
Puglia
Chiara Calisi